Chiacona di Paradiso e d'Inverno

Paradiso

O che bel star, è star in Paradiso
dove si vive sempre in fest'e riso
vedendosi di Dio svelat'il viso
ò che bel star, è star in Paradiso.

Là non vi regnagiel vent' ò calore
ch'il temp'è temperato tutte l'ore
pioggia non v'è, tempesta, nè baleno
ch'il Ciel là sempre si vede serano.

Là non si trova guerra, nè rumore
Regno di pacc'e gl'è Regno d'amore
sbandito è l'odio, l'ira, ed ogni sdegno
che vitio non pò star in quel bel Regno.

Morta è la morte là, sol regna vita
è vit'eterna si dolc'è gradita
priva d'infermità senza dolore
che si ringiovenisce tutte l'ore.

Godono sensi tutti un'gran'piacere
l'uutido, il tocco, il guito, ed il vedere
el'odorato senza tal fraganza
ch'ogni odore d'Arabia sopravanza.

Lingua non può spiegar, quel bel contento
che si sente la sù d'ogni instromento
le nostre cetere, è gl'Organi sonori
sono appò lor sampogne dè Pastori.

Chi potra mai narrar quell'armonia
che fan le voci con tal melodia
che ragiscon'il cuor sol'a narrarle
òh che sia poi il colà sù provarle.

Morbido letto di piuma fiorita
lusinga il tatto, è alla quiete in vita
è quel' ch'importa più, ò che stupore
guanci al'gl'è la sinistra del Signore.

Nettare, ambrosia, manna, è ogni liquore
il gusto gode, è in bocca, è un tal sapore
misto di dolce, è brusco, ò piccadiglia
che satii, e metti fame, à maraviglia.

O musa, che può dir, che god'il viso
nissun'lo sà sol chi stà in Paradiso
Gemme, Diamenti, Perl'or e Rubini,
Scabello, e Seggio son dei Sarafini.

I Beati là sù son tutti intenti
in veder Trino, e un l'Ente de l'Enti
l'Idea dell'Idee, quel Dio Signore
cause delle cagion, del tutt'Autore.

Avrai in somma là quanto vorrai
e quanto non vorra, non averai
e questo è quanto, ò musa posso dire,
però fà pausa il canto è l'ardire.

Inferno

Ohimè ch'orribil star, star nell'Inferno
ove si viu'in piant'e foco eterno
senza veder mai Dio in sempiterno
ahi, ahi ch'orribil star giù nell'inferno.

Il fuoco, e'l giacchio là, ò che stupore
le brine e tempeste, è il somm'ardore
stann'in un loco, tutte l'intemperie
si radunan'la giù, ò che miserie.

Regna la rabbia là, l'invielia, il scherno
maledicion', biasteman'in eterno
sè, chi gl'ingegnerò, Dio, che gli fece
Satan, che gli termenta in foco e pece.

Vive la Morte la vit'immortale
provando quei meschin' tormento tale
che vorreber morire Morte fugge
e pur l'istessa col dolor li strugge.